Libere associazioni

Oggi che sono ispirata ovviamente non perdo tempo e scrivo...

Non capisco bene cosa mi succeda in questo periodo...
alterno strane emozioni... ma tutte amplificate...
mi commuovo per un film o una canzone
non mi commuovo per sensazioni forti
soddisfatta di azioni azzardate
pentita davvero poi...

essere e non essere davvero
freddo e caldo
dolce e amaro
triste e felice
ridere e piangere
volere e non volere... tutti e due... ma manca cosa
bianco e nero... niente grigi oggi...
e i colori? assolutamente complementari
bene e male
cane e gatto... non c'entrano nulla a livello concettuale... ma non mi veniva in mente altro...

Tanta transizione... spero di cadere in rem presto... tetha alto.. sigma basso... deltha lo e deltha hi... inesistenti... atonia muscolare... attometro piatto... rapid eyes movement...


ora già sorrido...

sabato 28 febbraio 2009

Sono malata

Si...
sono malata di fragole...
non riesco a smettere...


ieri ne ho comperate altri due chili...
due chili?
cosa è????
esagerazione?
esibizionismo?
no... semplicemente voglia di assecondare le mie voglie...
ci sto riuscendo in questo periodo...
mi coccolo così...
godiamoci la vita.. ogni tanto

Maledetta primavera...

Primavera alle porte...
Mi hanno regalato la prima violetta...
Già qualche giorno di sole...
L'ormone inizia ad agitarsi...

Mi innamorerò almeno 10 volte al giorno...

mercoledì 25 febbraio 2009

Quasi stavo dimenticando la perla...


"Le bambine cattive diventano cieche"

martedì 24 febbraio 2009

Giusto così

Mi pare giusto per il mio rientro un po' di cultura.. no???
c'è di tutto un po'... quello che mi rappresenta in questo periodo... un po' difficile... ma soddisfacente...

Pentothal... quale altro argomento unirebbe cinema e un farmaco letale se non questo? ^_^ ce ne sarebbe bisogno per almeno tre motivi...
uno in quanto un po' tutti avrebbero bisogno... a parer mio... di un bell'anestetico generale per darsi una calmata... ho notato agitazione intorno a me... spero vivamente non sia lo stesso per voi! ^_^
Fermarsi forzatamente un attimo a riflettere, quando ce n'è bisogno... non sarebbe poi così malvagio... a mali estremi... estremi rimedi!
Il motivo numero due è banale... ci sarete già arrivati... utilizzarlo come siero della verità... non vi pare che talvolta c'è gente che esagera con le bugie? Beh... ultimamente a me pare così... sincerità, verità, non sono poi difetti....
Il motivo tre è solo perchè ho visto PAZ! recentemente... ed era giusto fare una citazione a riguardo... che film strano... e quante libertà interpretative in esso... senza contare che, essendo girato a bologna, la componente affettiva non è da sottovalutare...

La canzone dei Marlene? Ispirazione del momento... e forse un po' di confusione nella mente... si torna sempre all'argomento principale... Where is my mind?

Dino Campana... secondo me, e ovviamente parlo sempre per me e basta, fu un grande artista sottovalutato... io per prima non ne sapevo l'esistenza fino poco tempo fa... fin quando non ho visto il film... sulla sua vita... ho fatto qualche ricerca... mi sono comprata qualche libro... e ora mi trovo a millantarlo...
ma perchè i più grandi devono avere qualche rotella fuori posto?
Il genio nella follia, o la follia nel genio? Mah!

Notte notte....

Cmq... finalmente ho internet anche a casa a Bologna! Ora davvero non ho più scuse! ^_^

Chimera


« Non so se tra roccie il tuo pallido/Viso m’apparve, o sorriso/Di lontananze ignote/Fosti, la china eburnea/Fronte fulgente o giovine/Suora de la Gioconda/O delle primavere Spente, per i tuoi mitici pallori/O Regina o Regina adolescente:/Ma per il tuo ignoto poema/Di voluttà e di dolore/Musica fanciulla esangue,/Segnato di linea di sangue/Nel cerchio delle labbra sinuose,/Regina de la melodia:/Ma per il vergine capo/Reclino, io poeta notturno/Vegliai le stelle vivide nei pelaghi del cielo,/Io per il tuo dolce mistero Io per il tuo divenir taciturno./ Non so se la fiamma pallida/ Fu dei capelli il vivente Segno del suo pallore,/Non so se fu un dolce vapore,/Dolce sul mio dolore, Sorriso di un volto notturno:/Guardo le bianche rocce le mute fonti dei venti/E l’immobilità dei firmamenti/E i gonfii rivi che vanno piangenti/E l’ombre del lavoro umano curve là sui poggi algenti/E ancora per teneri cieli lontane chiare ombre correnti/E ancora ti chiamo ti chiamo Chimera. »

Dino Campana...

E non smette di girare la mia testa in mezzo al mare


Cosa faccio?
Cosa non faccio?

Cosa penso?

Cosa non penso?

La mia mente e' un delta e porta dove

niente + niente = niente
+ niente = niente
+ niente = niente

+ niente = Tutto

fatto di niente

otto nove dieci
fa uguale perchè tempo
non mi dà pace in ogni caso

E' forse la bandiera bianca?

Sì e no, ma non ha importanza

Guarda!
La sveglia segna due del giorno:

è quando il sole danza
Non c'è nulla in me che avanza

E oggi è uguale e a ieri

E oggi è uguale all'altro ieri

E sarà domani
a fare fuori tutto fatto di niente
Tempo è un treno che passa

e non è un dramma dire che è vero ù
ma si sa che ci manca la faccia
(quella giusta!)
per prenderlo al volo


E non cessa di girare la mia testa in mezzo al mare

Marlene Kuntz

Penthotal

1) Il tiopental sodico (nome commerciale Pentothal Sodium) è un tiobarbiturico ad azione ipnotica utilizzato nell'induzione dell'anestesia generale. Viene utilizzato anche nell'induzione del coma artificiale e negli Stati Uniti è utilizzato, assieme al pancuronio e al cloruro di potassio, per praticare l'iniezione letale ai condannati a morte. Questa miscela di farmaci è utilizzata anche, in alcuni Paesi, nell'eutanasia umana. Il tiopental sodico è noto al grande pubblico con il nome di Pentothal, soprattutto grazie al cinema e alla televisione, per essere stato usato, a dosaggi subanestetici, come siero della verità.

E' stato scoperto da Ernest H. Volwiler (22 agosto 1893 - 3 ottobre 1992) nel 1936.

Nella pratica anestesiologica corrente è sostituito quasi completamente dal propofol (nome commerciale Diprivan), meglio tollerato.

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Tiopental_sodico"


2) Pentothal (nel film Claudio Santamaria) che rappresenta il vero e proprio alter ego di Pazienza: studente fuoricorso, disegnatore svogliato e perennemente in pigiama, solitario e divenuto oramai indifferente nei confronti del movimento politico/studentesco che lo circonda e nel quale prima svolgeva un ruolo più attivo;

 
Where is my mind? - Wordpress Themes is proudly powered by WordPress and themed by Mukkamu Templates Novo Blogger